Komen Italia
Facebook Twitter You Tube
Posted by gcosmelli 27 - febbraio - 2013 Commenti disabilitati

Due storie della vita dell’Ospedale Bellaria di Bologna, di cui Suor Arcangela Casarotti, Superiora della Casa di Cura M.F. Toniolo e Gioacchino Pagliaro, direttore di Psicologia clinica ospedaliera dell’Azienda USL di Bologna, renderanno testimonianza e faranno conoscere momenti diversi e lontani nel tempo, ma non nel sentire.

 Il 28 febbraio, alle ore 17.15, il racconto inizierà da una storia rimasta sepolta per anni nella memoria delle protagoniste, che testimonia la dedizione di persone, che hanno fatto dell’assistenza ai malati, la loro missione di vita.  Il racconto narra di un gruppo di consorelle dell’ordine delle Piccole Suore della Sacra Famiglia che, nell’arco di 30 anni, ha dato assistenza a pazienti affetti da tubercolosi e che, rimaste contagiate, sono progressivamente venute a mancare.

Col trascorrere del tempo la vocazione dell’ospedale Bellaria ha saputo però adeguarsi alle nuove emergenze e necessità sanitarie, arrivando a essere, oggi, un ospedale che associa la tecnologica sanitaria e l’elevata specializzazione, alla grande tradizione di vicinanza agli assistiti.

Da qui, il senso del secondo racconto, quello dell’approccio olistico alla persona sofferente.

Sull’onda dell’esperienza dei grandi ospedali negli Stati Uniti d’America, l’Ospedale Bellaria è stato il primo in Italia a integrare la meditazione nelle cure mediche e in particolare in ambito oncologico, creando uno specifico protocollo denominato Armoniosamente, che oggi è utilizzato in diversi ospedali italiani.

Sul fronte dell’integrazione con le Medicine non Convenzionali, l’ospedale Bellaria rappresenta un punto di riferimento per aver introdotto nel 2003, attraverso l’attività di divulgazione svolta da medici, psicologi e infermieri, la Psiconeuroendocrinoimmunologia, che evidenzia come i nostri comportamenti, gli atteggiamenti mentali, i sistemi di credenze e i processi cognitivi possano influire sulla nostra salute.

Il Comitato Regionale Emilia-Romagna della Komen Italia ha deciso di promuovere questo incontro per raccontare la grande forza e umanità di questa struttura ospedaliera, da sempre vicina ai propri assistiti e alle Associazioni come la nostra che lavorano per promuovere i messaggi positivi della Prevenzione.


Il Bellaria si racconta…

 

Storie e testimonianze diverse, lontane nel tempo che testimoniano entrambe l’assoluta dedizione di persone che dell’assistenza ai malati hanno fatto la loro missione di vita

Giovedì 28 febbraio 2013, alle ore 17.15 presso Biblioteca C.A. Pizzardi, Ospedale Bellaria
Vincenzo Eusebi, Patrizia Farruggia, Carla Faralli
ne parlano con
SUOR ARCANGELA CASAROTTI, Superiora della Casa di Cura M.F. Toniolo
DOTTOR GIOACCHINO PAGLIARO, Direttore U.O. di Psicologia clinico ospedaliera – Ausl di Bologna

Un incontro patrocinato dall’Azienda USL di Bologna e realizzato in collaborazione l’Associazione Susan G. Komen Italia, Comitato Emilia-Romagna.

Biblioteca C.A. Pizzardi, Ospedale Bellaria
Via Altura 3 – 40139 BOLOGNA

Per informazioni:
Susan G. Komen Italia – Comitato Regionale Emilia Romagna
c/o Ospedale Bellaria – Anatomia Patologica
Via Altura 3 | 40139 Bologna
Tel: 051.6225949 – bologna.race@komen.it