Komen Italia
Facebook Twitter You Tube
Posted by Flaminia Serra 4 - maggio - 2017 Commenti disabilitati

Nel mese di Maggio, come da tradizione, Bari renderà omaggio a S.Nicola, santo patrono della città.

Il 7 Maggio si potrà assistere al corteo storico che rievoca l’impresa dei 62 marinai artefici della Traslazione delle reliquie di S. Nicola, da Myra a Bari nel 1087.

La festa pur celebrandosi ormai da un millennio e pur richiamando fedeli da ogni parte del mondo non è mai uguale a se stessa. Per la prima volta, quest’anno, si è affidata la direzione artistica ad una donna, Elisa Barrucchieri. Tale scelta conferma l’idea che le donne non occupano solo un posto marginale ma diventano protagoniste dell’intero processo produttivo. Infatti vivere la tradizione non significa solo rispettarla ma anche innovarla.

Il corteo storico è caratterizzato dalla rappresentazione di 6 quadri scenici in cui si alternano danze in body painting, grandi installazioni e coreografie di danza aerea. In particolare, il secondo quadro “La manna”, vedrà come protagoniste le donne malate di tumore all’ utero, alle ovaie e al seno, come testimonianza della forza di lotta per la vita contro la malattia.

La Susan G. Komen Italia sarà presente alla manifestazione con 12 Donne in Rosa, che testimonieranno che da questa malattia si può guarire.

La manna di S. Nicola è l’acqua che si forma nella tomba del Santo e che molto probabilmente si formava già nella Basilica di Mira. L’acqua è straordinariamente pura, lattiginosa e profumata con un grande potere taumaturgico ed è lume di speranza per chi combatte i mali del corpo e dello spirito. Per la realizzazione del quadro scenico si è pensato di utilizzare grandi palloncini trasparenti biodegradabili, riempiti di elio e di piume, che saranno posti nella cripta della Basilica. Il quadro realizzato con la collaborazione del maestro Claudio Cutuli, vedrà la partecipazione di alcune associazioni, tra cui la Susan G. Komen Italia, Casa delle donne del Mediterraneo, Acto bari e Ui Togheter.

La manifestazione non sarà quindi solo una rievocazione storica ma avrà un grande impatto su tutta la comunità.