Komen Italia
Facebook Twitter You Tube
Posted by gcosmelli 26 - settembre - 2015 Commenti disabilitati

MerolaTShirtBologna, 26 settembre 2015 – Alle 16 di oggi si erano già iscritte alla Race di Bologna 12.500 persone, con un aumento del 15% rispetto all’edizione passata. Si moltiplicano sia gli iscritti adulti che i bambini, così come le Donne in Rosa.

Sono proprio loro le protagoniste della manifestazione: donne che hanno affrontato il tumore del seno e partecipano alla Race con maglia e cappellino rosa. Grande partecipazione per gli incontri con medici specialisti offerti alle visitatrici e ai visitatori del Villaggio della Salute: oltre 160 in totale, di cui 76 visite senologiche. Da notare anche la partecipazione degli uomini, che dimostra l’attenzione crescente per la cultura della prevenzione. La giornata ha registrato la partecipazione del Sindaco di Bologna Virginio Merola che ha visitato gli stand del Villaggio assieme al Prof. Riccardo Masetti, Presidente della Susan G. Komen Italia, la Prof.ssa Carla Faralli, Presidente del Comitato Regionale Emilia-Romagna, Marilena Pillati, Assessore Scuola Formazione e Politiche per il Personale e Luca Rizzo Nervo, Assessore alla Sanità e allo Sport.

La città partecipa ogni anno con entusiasmo all’evento e aderisce non solo alla corsa ma anche a tutte le attività correlate di prevenzione e animazione durante i 3 giorni. Domani sarà per Bologna una giornata di sport e cultura perché il messaggio che passa è fondamentale: la prevenzione per stare bene. Grazie alla Race moltissime donne hanno superato l’imbarazzo della malattia e hanno preso coscienza dell’importanza della cura”. E il binomio sport-salute non è nuovo per Bologna: “Muoversi fa bene – ha aggiunto il sindaco - e promuovendo la mobilità sostenibile ed eventi sportivi e culinari vogliamo incentivare l’informazione sanitaria e stimolare la cura del benessere per le persone”.

Dopo il Sindaco ha speso parole di apprezzamento per la città anche la madrina delle Donne in Rosa della Race for the Cure, l’attrice Rosanna Banfi: “Bologna ha sempre risposto ottimamente a questa iniziativa e ogni volta che vengo qui mi sembra di essere a casa. Passeggiando per i Giardini mi sono sentita accolta, si vede che questa città è un passo in avanti rispetto alle altre, è abituata a partecipare ad eventi di solidarietà. E i numeri dicono che miglioriamo di anno in anno. Chi mi ha dato la forza di sorridere durante la malattia? Il coraggio di aprirmi e raccontare il mio male, ed è quello che la Race vuole comunicare a tutte le donne col tumore al seno. Abbiate coraggio, informatevi e prevenite”.

Fra i partecipanti Venuste Niyongabo, campione olimpico del Burundi nei cinquemila metri e Eraldo Turra, comico bolognese dei Gemelli Ruggeri.

Tra le tante iniziative da segnalare, oltre agli stand delle aziende partner come Johnson&Johnson, i colloqui di Elisa Gennari con lo Shiatsu biodinamico così come l’intervento di Raffaella Parisini autrice del libro “Elogio dell’asimmetria”.
Graditi anche gli appuntamenti fissi del Villaggio della Salute come il punto informativo dell’AUSL di Bologna sui programmi regionali di screening oncologico, i consigli di bellezza offerti dagli hair stylist e make up artist di Cosmoprof Worldwide Bologna. L’appuntamento è per domani in Piazzale Jacchia (Porta Santo Stefano) per correre o camminare la IX edizione della Race for the Cure.