Komen Italia
Facebook Twitter You Tube
Posted by gcosmelli 26 - febbraio - 2015 Commenti disabilitati

luiss05Roma, 26 febbraio 2015 – Fatti recenti di cronaca hanno riproposto con forza i problemi che spesso si presentano in ambito lavorativo ad una donna che si ammala di tumore. Le ripetute e spesso prolungate assenze dal lavoro che si rendono necessarie nella delicata fase che va dalla diagnosi al completamento del percorso di cura, non di rado creano una penalizzazione aggiuntiva per la donna-lavoratrice e un deterioramento nei rapporti con il datore di lavoro in un momento in cui si avrebbe invece necessità di maggiori supporti.

Su questo tema, giovedì 26 febbraio 2015, presso l’Aula Magna “Mario Arcelli” dell’Università LUISS Guido Carli di Roma, si è svolta una conferenza dal titolo “L’impresa del Welfare per il Welfare d’impresa”, momento di lancio di un nuovo progetto – l’International Lab for Women’s Health in the Workplacenato da una sinergia tra la Susan G. Komen Italia insieme con Valore D, Università Cattolica del Sacro Cuore e la LUISS Business School, quattro partner prestigiosi impegnati da anni in questo campo.

Il convegno, che è stato moderato dal giornalista di RaiNews Gerardo D’Amico, ha potuto contare sulla partecipazione di una esperta di salute pubblica e di comunicazione come la Moglie dell’Ambasciatore Americano in Italia, Sig.ra Linda Douglass e di numerosi esponenti del mondo della medicina, dell’impresa e dell’università. Molto toccante la testimonianza di una giovane donna operata di tumore del seno, che ricopre il ruolo di responsabile delle risorse umane di una importante azienda nel campo dell’aviazione civile.

Tra i relatori, anche il Presidente della Susan G. Komen Italia, Prof. Riccardo Masetti, che ha presentato i risultati di una indagine condotta dal Laboratorio a proposito del grado di consapevolezza e di fruizione, da parte delle pazienti, delle tutele previste dalla Legge Biagi per pazienti oncologici. “Una donna su due viene penalizzata sul luogo di lavoro a causa della malattia – ha rivelato Masetti – e purtroppo, per la maggior parte delle pazienti, il livello di conoscenza e di fruizione delle tutele previste è ancora molto molto basso. Basti pensare che solo il 28% di esse sa che ha diritto al parti time provvisorio in caso di tumore e solo il 7% ne usufruisce. Oppure, solamente il 33% delle malate di tumore sa che può fare visite mediche senza dover utilizzare ferie e permessi, ma solo il 20% accede a questa opportunità.”

Masetti ha spiegato anche come occorra creare una alleanza trasversale per assicurare che il lavoro possa essere sempre una risorsa positiva e non una fonte di problemi quando ci si ammala. “Dal mio speciale osservatorio del Centro Integrato di Senologia del Policlinico Gemelli di Roma, nel quale abbiamo modo di ascoltare oltre 3.000 donne ogni anno, ho potuto toccare con mano come l’ambiente di lavoro ricopra un ruolo importantissimo nel percorso di cura delle pazienti. Ci sono donne che, come accaduto recentemente, in aggiunta alle difficoltà create dalla malattia, devono affrontare anche quelle di un confronto aspro con il proprio datore di lavoro ed i colleghi per potersi dedicare al proprio percorso di cura senza rischiare il posto. Al contrario, ci sono pazienti che hanno invece la fortuna di essere sostenute da un ambiente lavorativo che partecipa attivamente al processo di riabilitazione e diventa una autentica forza propulsiva utile a superare meglio un momento di grande difficoltà. Una forza che aumenta in maniera tangibile l’efficacia delle cure. E’ necessario quindi far crescere nel mondo dell’impresa una cultura del welfare, che faciliti il processo di cura di una propria dipendente anziché penalizzarla per la forzata assenza dal posto di lavoro. Il ruolo dell’azienda, peraltro, diventa ancora più importante e decisivo nella fase di reinserimento dopo le cure, quando il recupero della capacità lavorativa rappresenta il pieno ritorno alla “normalità” e la vera conclusione della difficile esperienza affrontata.”



 

Questo il programma dettagliato del convegno:

10.00  Accredito partecipanti

10.15   Indirizzi di saluto
Massimo Egidi, Rettore LUISS Guido Carli

10.30   Presentazione dell’International Lab for Women’s Health in the Workplace e della ricerca “L’impresa del welfare per il welfare d’impresa”. Norme, tutele e reinserimento delle pazienti oncologiche nella vita lavorativa

Riccardo Masetti, Presidente Susan G. Komen Italia, Professore Ordinario di Chirurgia Generale e Direttore del Centro Integrato di Senologia, Università Cattolica – Policlinico A. Gemelli, Roma
Franco Fontana, Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese presso la LUISS Guido Carli, Coordinatore Scientifico dell’Area Pubblica Amministrazione, Sanità e Non Profit e Ufficio Gare LUISS Business School
Barbara Saba, Vice-presidente Valore D, Pricing & Business Intelligence Johnson & Johnson Medical SPA, Direttore Generale Fondazione Johnson & Johnson

Special Guests:
Linda Douglass, Media Professional e Moglie dell’Ambasciatore Americano in Italia
Luisa Todini, Presidente di Poste Italiane

Tavola Rotonda
Moderatore: Gerardo D’Amico, Giornalista e scrittore italiano, Vicecaporedattore Rainews24, Curatore e conduttore della rubrica di medicina e salute Ippocrate

11.30   L’Italia come possibile benchmark internazionale
Alessandra Servidori, Consigliera Nazionale di Parità
Enrica Giorgetti, Direttore Generale di Farmindustria
Giovanni Scambia, Professore Ordinario di Ginecologia e Ostetricia e Direttore del Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente, del Bambino e dell’Adolescente, Università Cattolica – Policlinico A. Gemelli, Roma
Elisabetta Addis, Professoressa di Economia Politica all’Università di Sassari e Politica ed Economia del Welfare LUISS Guido Carli

12.30   La teoria, in pratica: best practice a confronto
Dibattito con i manager di alcune delle aziende coinvolte nella ricerca per condividere esempi virtuosi e confrontarsi su scenari e sviluppi del welfare aziendale

Testimonianza personale di Lucrezia Federico, Donna in Rosa e Responsabile Ufficio Risorse Umane, Elitaliana “UT ALII VIVANT

Antonio Dentini, Responsabile Health & Safety Holding ENEL
Gerardo Cancanelli,Vice President Salute Italia ENI
Antonella Zolla, Responsabile  Health Safety & Environment Telecom Italia

13.15   Conclusioni
Cristina Gasparri, Dirigente responsabile Area Pubblica Amministrazione, Sanità e Non Profit e Ufficio Gare LUISS Business School

13.30   Light Lunch