Conclusione della Campagna di Komen Italia: LA PREVENZIONE È IL NOSTRO CAPOLAVORO

Conclusione della Campagna di Komen Italia: LA PREVENZIONE È IL NOSTRO CAPOLAVORO

10/11/2021

Si è appena chiuso il Mese Internazionale della Prevenzione dei Tumori del Seno e…

Si, è proprio così: la Prevenzione è il nostro Capolavoro. Tutto l’anno noi di Komen Italia, siamo in prima linea per promuovere l’importanza della Prevenzione, e per offrire opportunità di cura e salute con le 4 Unità Mobili della Carovana della Prevenzione soprattutto alle donne che hanno più difficoltà ad avere accesso alle visite di controllo e ai principali esami diagnostici.

Ed ottobre è il mese in cui tutte le attività culminano in un Capolavoro di solidarietà e sensibilizzazione possibile solo grazie al vostro sostegno.

È una “maratona” che dura oltre 30 giorni e abbraccia tutta l’Italia con iniziative organizzate da Komen Italia, insieme ai suoi volontari, alle Donne in Rosa, ai media, ai partner e con il sostegno delle principali Istituzioni. Ed è proprio grazie alla collaborazione con il MIC, che la protagonista della campagna è un capolavoro dell’arte italiana: La Fornarina di Raffaello.

Le prime iniziative sono partite già ad aprile con il programma ASPETTANDO LA RACE che per sei mesi ha offerto a tutti i sostenitori e alle Donne in Rosa una staffetta di oltre 160 appuntamenti: approfondimenti di salute e bellezza, iniziative di sport, webinar informativi, dirette social, manifestazioni di piazza, eventi terzi, momenti di incontro e di promozione della Race.

Fra tutti, lo straordinario successo, in Sardegna, del progetto "Mater & Komen - 6 mesi in Rosa" 180 giorni di solidarietà con centinaia di esami diagnostici gratuiti insieme a visite specialistiche di prevenzione in 35 comuni con oltre 2000 sostenitori.

Ci ha commosso vedere le Donne in Rosa che hanno fatto parte del progetto di Canottaggio Integrato, vogare lungo il Tevere e accendere di rosa l’Isola Tiberina. Il progetto è nato dalla collaborazione con il Circolo Sportivo dei Canottieri RAI nell’ambito delle attività offerte alle pazienti del Centro Komen Italia di Terapie Integrate presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS.

Il RIBBON ROSA è stato ancora una volta il simbolo della Campagna di sensibilizzazione ed è stato indossato per tutto il mese da personaggi delle istituzioni, dello sport, dello spettacolo, della TV, del web e di aziende partner. Grazie alla visibilità del Ribbon Rosa numerosi appelli sull’importanza della prevenzione hanno raggiunto milioni di spettatori di Sky, La7, Rai, TGCom e tantissime televisioni locali oltre che milioni di followers sui Social Media.

Al sostegno delle influencer si sono aggiunte numerose Aziende che hanno scelto di contribuire alla nostra mission e promuoverla sui propri social media attraverso delle iniziative dedicate. Ricordiamo MARCATO che, fino a dicembre 2021, ha deciso di devolvere all’Associazione parte del ricavato dalla vendita di alcuni prodotti;

SLAMP, con 5 Pink Weekends e le lampade fatte a mano dalle Sarte della Luce;

HELLO BODY, che ha invitato i propri clienti a contribuire acquistando o un Ribbon Rosa virtuale e raddoppiandone il contributo o uno dei 4 set di prodotti della campagna Pinktober devolvendone parte del ricavato.

Questo mese la CAROVANA DELLA PREVENZIONE non si è fermata praticamente mai.

Durante il suo viaggio, razie anche al contributo di Aziende sensibili che hanno adottato alcune tappe, ha offerto 3000 esami diagnostici coinvolgendo oltre 100 professionisti sanitari e in alcune tappe, alle prestazioni gratuite, Komen Italia ha potuto aggiungere anche i Vaccini Anti-Covid e per l'HPV.

Non sono mancati gli appuntamenti sportivi organizzati come momenti di solidarietà e di promozione della prevenzione: in particolare il progetto GOLF FOR THE CURE promosso e organizzato principalmente dal Comitato Lombardia di Komen Italia ed il progetto PADEL FOR THE CURE, nato da un’idea del Comitato Emilia Romagna di Komen Italia.

Ed infine le tanto attese RACE FOR THE CURE.

Non potevamo che scegliere Ottobre per il ritorno della Race for the Cure in piazza dopo che la pandemia non aveva reso possibili le edizioni del 2020 ed è stato per tutti un inizio di ritorno alla normalità.

Ad aprire le celebrazioni è stata Bologna con numerosi appuntamenti di salute e benessere e una tappa della Carovana della Prevenzione, bagnata dalla pioggia ma super operativa; poi la corsa è ripartita da Campo Marte a Brescia per arrivare a Bari e Pescara. Matera non si è limitata all’evento in una sola piazza ma ha coinvolto 10 Comuni e migliaia di sostenitori in tutta la Basilicata.

Infine la Race è tornata anche a Roma: il Circo Massimo, ormai tradizionale luogo di ritrovo, si è riempito del calore dei partecipanti e ha accolto migliaia di donne permettendo loro di ritrovarsi insieme e scambiare le emozioni uniche che questa manifestazione regala da oltre 20 anni.

Ringraziamo tutti della rinnovata fiducia: i tantissimi sostenitori in piazza e a casa, gli amici che ci sono venuti a trovare e che ci hanno aiutato nella preparazione e nella promozione dell’evento, le Aziende Partner tra cui Johnson&Johnson, con Aveeno e Biafin, Pfizer e Fondazione Johnson&Johnson, le Istituzioni, gli spalti animati dalle Donne in Rosa, TUTTI.

Ma non è finita qui perché simbolicamente il mese della Prevenzione si è concluso il 6 e 7 novembre con il ritorno della RACE a Napoli. Mancava da qualche anno ma la partecipazione ha confermato l’attenzione che i napoletani hanno sempre avuto verso la nostra mission. Ad aprire l’evento le maggiori Istituzioni locali fra cui il Sindaco Gaetano Manfredi, Aurelio De Laurentiis presidente onorario Komen Italia, Andrea Lucchetta per FIPAV e il calciatore Kalidou Koulibaly in rappresentanza della S.S.C. Napoli.

Tutta Italia ha abbracciato il progetto e oltre 30.000 sostenitori hanno, ancora una volta sancito l’importanza della RACE FOR THE CURE.

L’appuntamento è al prossimo ottobre ma le novità del 2022 cominceranno già a Maggio con il primo grande appuntamento con la RACE: 5, 6, 7, 8 ROMA.

Vi aspettiamo.